Incontro con Simone Cristicchi a Capodistria archiviato 
Incontro con Simone Cristicchi Martedì 17 aprile 2018 Sala eventi e cerimonie San Francesco d’Assisi - Capodistria
  • Stampa

Simone CristicchiSimone Cristicchi

Anche la CAN di Capodistria ha deciso di aderire, unitamente a quelle di Ancarano, Isola e Pirano, al Comune Città di Capodistria, al Consolato Generale d'Italia a Capodistria, a TV Koper-Capodistria, all'invito della Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana di finanziare l'incontro con il noto cantautore italiano Simone Cristicchi. L'organizzazione dell'evento è stato affidato all'Associazione AIAS di Capodistria.

Ore 11.30 incontro con gli studenti delle scuole elementari e medie italiane del capodistriano e del buiese su temi di carattere sociale (mondo giovanile e suoi problemi).

L'incontro sarà moderato da Emanuela Gherardi giornalista di TV Capodistria.

Ore 20.00 incontro pubblico centrato su temi legati all’attività di Cristicchi (come nascono i suoi spettacoli, le sue canzoni, il suo impegno nel sociale). L'incontro sarà moderato da Martina Vocci giornalista di TV Capodistria.

Nell’occasione il pubblico potrà anche intervenire con delle domande. Per questo motivo invitiamo tutti gli interessati a farci pervenire le domande che desiderano porre a Simone Cristicchi usando la mail:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

oppure l’account Facebook dell’AIAS:

https://www.facebook.com/AIAS-Capodistria-Koper


Simone Cristicchi, giunse definitivamente alla notorietà vincendo la Targa Tenco nel 2006 come miglior album di esordio, raggiungendo il primo posto nel 2007 al Festival di Sanremo con la canzone "Ti regalerò una rosa" il cui testo è ispirato alla sua esperienza di volontario nel Simone CristicchiSimone Cristicchicentro di igiene mentale di Roma. Ma fu proprio con un argomento legato all’Istria che Cristicchi ha fatto il grande balzo verso le prime pagine dei giornali: la tragedia dimenticata e nascosta dell’esodo istriano e delle foibe, poeticamente narrata nel suo "Magazzino 18", diretto da Antonio Calenda e prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. È uno spettacolo entrato ormai di diritto nella storia del teatro italiano, aprendo definitivamente a Simone le porte del mondo del teatro-canzone dove tutta la sua bravura e personalità vengono messe in luce.