languageswitcher

Contatti top

Sabato, 19 Ottobre 2019 08:37
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Imago Trieste archiviato 
Dal 5 al 30 aprile 2012          Inaugurazione:  5 aprile 2012 alle ore 17.30 a Villa Vetrinj     

L’immagine di ogni città è fugace e mutevole. È il risultato di un processo protratto nel tempo che vede partecipi tutti gli ex e attuali cittadini con le loro osservazioni e proposte, ma anche i politici e i governatori cittadini, i commercianti con le loro richieste e opportunità, gli artisti con il loro genio e le loro emozioni, e infine i turisti e vedute in listine i viaggiatori che sostandovi esprimono i propri pensieri e le esperienze vissute.

L’esposizione Imago Trieste è un omaggio alla città ed al suo entroterra, un omaggio a questa fremente e irrequieta punta settentrionale dell’Adriatico, di indiscussa rilevanza commerciale, geostrategica e non solo. Le immagini dei triestini e delle loro vite derivano dagli appunti sui singoli eventi, come pure dalle vedute e dalle grafiche dal Seicento  fino ai nostri giorni, raccolte nella collezione di StelioTity Davia.

      
Al loro fianco ci sono le scene che negli anni ’50 il fotografo Francesco Bruni è riuscito magnificamente a catturare sulla pellicola. Alessandro Puhali ci propone invece un’immagine differente di Trieste, incentrandosi sul suo ruolo di “finestra sul mondo” dell’Impero Asburgico, di una città che una ferrovia lunga oltre 577 chilometri collegava con la capitale Vienna, una ferrovia che ha fatto da sprone al progresso di Maribor, Lubiana e di altre città slovene. Alla tratta ferroviaria Trieste-Lubiana sono dedicate 24 targhe a colori che risalgono all’anno 1857. Un’ulteriore testimonianza delle affinità, della convivenza e dell’interdipendenza tra le due città sono anche alcune grafiche del Settecento e  dell’Ottocento.           
I dipinti, le grafiche, le vedute e i documenti cercano di catturare l’immagine di Trieste e il suo carattere.  Nel frenetico mondo d’oggi Trieste costruisce la sua identità su architetture stravaganti ed eventi di fama mondiale, il tutto all’insegna del caratteristico ritmo urbano e  dell’ospitalità degli abitanti.