languageswitcher

Contatti top

Mercoledì, 23 Ottobre 2019 15:59
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Commissione per le nazionalità del Parlamento sloveno archiviato 
Il 28 febbraio 2012 si è svolta a Lubiana la prima riunione della Commissione per le nazionalità della Camera di stato del Parlamento sloveno della nuova legislatura.

Il Parlamento della SloveniaIl Parlamento della SloveniaOltre ad approvare il piano di lavoro per il periodo 2011-2015, la Commissione ha dedicato particolare attenzione alla proposta di stesura della Legge quadro sulle Comunità nazionali autoctone, italiana e ungherese in Slovenia.

Tale documento viene esplicitamente citato nell'accordo di collaborazione sottoscritto dai deputati delle suddette minoranze, Roberto Battelli e Laszlo Göncz con il primo ministro sloveno Janez Janša.

Parallelamente la Commissione dedicherà grande attenzione, oltre alle problematiche correnti, anche alla creazione della base economica per le minoranze italiana e ungherese, ben conscia delle difficoltà che la crisi in atto potrà riservare a questo progetto. La Commissione per le nazionalità ha infine accolto una mozione di condanna per i sempre più frequenti casi di violenza verbale riscontrati via Internet nei confronti degli italiani e degli ungheresi che vivono in Slovenia.