languageswitcher

Contatti top

Martedì, 22 Ottobre 2019 18:33
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

La Grande Guerra a piedi archiviato 
1914-1918 - Commemorare la  Guerra per celebrare la Pace Presentazione del libro e del viaggio di Nicolò Giraldi La Grande Guerra a piedi. Da Londra a Trieste sui luoghi del primo conflitto mondiale (Edizioni Biblioteca dell'Immagine, Prefazione di Paolo Rumiz) Martedì, 27 ottobre alle ore 18.00 presso la sede della Comunità degli Italiani, palazzo Gravisi, Via Fronte di Liberazione 10, Capodistria

La Grande Guerra a piediLa Grande Guerra a piediIl libro di debutto del giornalista Nicolò Giraldi racconta il suo viaggio a piedi da Londra a Trieste, sui luoghi del primo conflitto mondiale. Sette paesi europei percorsi in due mesi a piedi, da solo con lo zaino in spalla e un bastone, per incontrare le persone che alla memoria della guerra ci lavoravano ogni giorno prima del 2014 e che continueranno a farlo dopo il 2018 e per confrontarsi con la memoria dell’omonimo bisnonno, fante austroungarico che venne inviato sul fronte orientale in Galizia e fatto prigioniero dai Cosacchi.

“Nel suo viaggio in bilico fra due epoche, Giraldi compie l’unica scelta possibile. Evoca invece di commemorare. Chiama in causa i morti, cerca di parlare con loro. Va oltre il libro di storia. Si sforza di sentire prima di capire. I suoi scarponi diventano quelli del nonno, e così il fango, la pioggia, la sete, il cibo che contiene il sapore dei luoghi.”  - Paolo RumizLa Grande Guerra a piediLa Grande Guerra a piedi