languageswitcher

Contatti top

Mercoledì, 23 Ottobre 2019 15:13
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

L'Istria nella Grande guerra archiviato 
L’Istria nella Grande guerra Il giorno più tragico: Wagna, 23 novembre 1915 Lunedì, 23 novembre 2015 alle ore 19.00 Palazzo Gravisi-Buttorai Via F.d.L. 10, Capodistria

L\'Istria nella Grande guerraL'Istria nella Grande guerra

Conferenza del ricercatore Dean Krmac

Intervento del musicologo David Di Paoli Paulovich
con il tenore Davide Danielis

Testimonianze d’epoca nei ricordi della popolazione

È prevista la partecipazione di:

Franz Trampusch, borgomastro di Wagna a riposo

Rosanna Biasiol Babić, vicesindaco di Dignano

Nel maggio del 1915, all’entrata in guerra dell’Italia, il governo austriaco ordinò l’evacuazione del Capitanato di Pola dove aveva sede il principale porto di guerra asburgico. In pochi giorni circa 60 mila cittadini furono sfollati e trasferiti nei lager all’interno dell’Impero. Per il più famoso di questi, Wagna, passarono oltre 20 mila istriani. Il campo profughi stirano era diventato, in tempo di guerra, la maggiore città “istriana”. Causa il freddo, le condizioni igieniche e alimentari nonché un’epidemia di morbillo molti, soprattutto bambini, vi morirono. A cento anni precisi dal giorno della massima mortalità, verranno ripercorsi i tre anni di profuganza nel campo di baracche di Wagna che anche alla luce dei fatti di oggi assumono connotati drammaticamente attuali.

Mostra fotografica (23 novembre – 7 dicembre 2015)

Al fronte e nelle retrovie

L\'Istria nella Grande guerraL'Istria nella Grande guerraFotografie della Grande guerra dall’archivio del CRAF

Intervento introduttivo alla mostra fotografica
di Walter Liva, Direttore del CRAF di Spilimbergo (Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia)

1914-1918: un periodo di storia che va dall’attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914, nel quale persero la vita l’erede al trono asburgico Francesco Ferdinando e la consorte Sofia - miccia che fece esplodere la prima guerra mondiale - passando per una logorante guerra di trincea, fino alla disfatta L\'Istria nella Grande guerraL'Istria nella Grande guerradi Caporetto e alla successiva vittoriosa controffensiva italiana che mosse dal Piave. Nel centesimo dell’entrata in guerra dell’Italia si intende commemorare un evento tragico per l’umanità nel corso del quale si spensero le vite di oltre 37 milioni di persone. Questa mostra, in 36 fotografie tratte dagli Archivi del CRAF, evidenzia in particolare le conseguenze della guerra sulle città e le terre oggi a cavallo fra L\'Istria nella Grande guerraL'Istria nella Grande guerraSlovenia e Italia che cento anni orsono furono teatro di uno dei più aspri fronti del conflitto.