languageswitcher

Contatti top

Mercoledì, 23 Ottobre 2019 14:23
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Giulio Rapetti - Mogol a Capodistria archiviato 
Serata piena di significati quella svoltasi lunedì 28 dicembre 2015 presso il Museo Regionale di Capodistria. Il motivo è stato l'incontro con Giulio Rapetti, meglio conosciuto come Mogol, famoso paroliere, scrittore e produttore discografico, che negli anni settanta ha dato vita ad uno dei binomi forse più importanti della canzone d'autore italiana.

Mogol a CapodistriaMogol a CapodistriaDefinire paroliere Mogol, come del resto si faceva una volta, è senz'altro riduttivo. Sarebbe molto più appropriato infatti definirlo poeta e tale si è dimostrato anche nella bellissima serata capodistriana. Reduce da Umago dove aveva avuto un analogo incontro presso la Comunità degli Italiani, Mogol è stato salutato dal Console generale d'Italia a Capodistria, Iva Palmieri, dal deputato al Parlamento sloveno, Roberto Battelli, dal Presidente dell’Università Popolare di Trieste, Fabrizio Somma, dal vice-sindaco del Comune Città di Capodistria, Alberto Scheriani e dal Presidente della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria, Fulvio Richter.

Mogol ha ripercorso, anche se in modo molto succinto, le principali tappe della sua carriera colloquiando con il professor Sergio Crasnich. Nell’occasione ha rivelato anche molti particolari della vita e della carriera artistica di Lucio Battisti che ha conosciuto a fondo nei circa dodici anni del loro sodalizio non solamente artistico ma anche di profonda amicizia. Giulio Rapetti ha rivelato inoltre come sono nate alcune delle innumerevoli canzoni che nella sua carriera ha scritto e non solamente per Battisti ma anche per altri grandissimi interpreti della canzone italiana come Caterina Caselli, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Fausto Leali, Bobby Solo.

Ma a rendere la serata ancor più magica ci hanno pensato quattro bravi musicisti triestini, che il giorno prima avevano dato vita al Teatro Rossetti di Trieste ad una serata unica dal titolo “CANTO LIBERO - OMAGGIO A BATTISTI E MOGOL” con l’intervento dello stesso Mogol.

Fabio “Red” Rosso, al canto, Giovanni Vianelli al pianoforte, Emanuele “Graffo” Grafitti e Luigi Di Campo alle chitarre hanno interpretato alcune delle più importanti canzoni che Battisti e Mogol hanno composto.Mogol a CapodistriaMogol a Capodistria