languageswitcher

Contatti top

Giovedì, 17 Agosto 2017 07:50
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Terzo Numero
INforma
Terzo Numero

Anno
Dicembre 2016
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Oleg Mandić: L'ultimo bambino di Auschwitz
Oleg Mandić: L'ultimo bambino di Auschwitz Testimonianze dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti in commemorazione della Giornata della Memoria per le vittime dell'Olocausto

Oleg Mandić: L\'ultimo bambino di AuschwitzOleg Mandić: L'ultimo bambino di AuschwitzMercoledì, 1. febbraio 2017 alle ore 18.00

Sede della Comunità degli Italiani,

Palazzo Gravisi-Buttorai, Via Fronte di Liberazione 10, Capodistria

 

ore 18.00

Proiezione del documentario

“Godine kobnih iskustva obitelji  Mandić sa fašizmom i nacizmom”, IRS ART 2005

(Gli anni di fatidiche esperienze della famiglia Mandić con fascismo e nazismo)

in lingua croata sottotitolato in italiano

 

ore 18.30

Testimonianze di Oleg Mandić nell’intervista

con la giornalista di TV Capodistria Claudia Raspolič,

autrice del documentario “La mia bella vita grazie ad Auschwitz”

 

ore 19.00

Testimonianze di Marta Peljhan, internata sopravvissuta

alla prigionia nel campo di concentramento femminile di Ravensbrück

 

Internato a undici anni, Oleg Mandić è stato l’ultimo internato a lasciare il lager di Auschwitz – Birkenau, in Polonia, in seguito alla liberazione da parte delle truppe dell’Armata Rossa impegnate nell’offensiva in direzione della Germania. Sopravvissuto a Mengele e agli orrori del famigerato campo di sterminio nazista, Mandić ha raccontato la sua esperienza attraverso innumerevoli conferenze tenute in patria e all’estero, interviste, film documentari e, da ultimo, un libro autobiografico pubblicato nel 2016 dalla casa editrice Biblioteca dell’Immagine. Oggi, ormai ottantenne, continua ad essere importante testimone di una pagina terribile della storia contemporanea, animato dalla volontà di informare le nuove generazioni affinché simili mostruosità non abbiano a ripetersi.

Oleg Mandić: L\'ultimo bambino di AuschwitzOleg Mandić: L'ultimo bambino di AuschwitzTra il 1938 e il 1945 132.000 donne furono internate nel campo di concentramento di Ravensbrück. Tra queste 2230 slovene, delle quali 200 non sopravvissero alla prigionia. Marta Peljhan, originaria di Šturje presso Aidussina, provò l'orrore della deportazione all'età di 22 anni allorché venne trasferita nel gennaio del 1945 in quello che all'epoca era il maggior campo di concentramento femminile della Germania. La reduce, nonostante l'età già avanzata, continua con orgoglio nella sua missione di testimone per mantenere viva la memoria delle efferatezze nazifasciste e dell'esperienza della prigionia nei campi di concentramento in tutta Europa.