languageswitcher

Contatti top

Domenica, 22 Ottobre 2017 10:02
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Terzo Numero
INforma
Terzo Numero

Anno
Dicembre 2016
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

EtNos: Letteratura della minoranza a confronto
EtNos: Letteratura della minoranza a confronto Riflessioni in margine alla giornata della cultura slovena Presentazione delle traduzioni in lingua slovena di opere letterarie degli autori della CNI Giovedì, 9 febbraio 2017 alle ore 18.00 presso la sede della Comunità degli Italiani, Palazzo Gravisi-Buttorai, Via Fronte di Liberazione 10, Capodistria

Giornata della cultura slovena 2017Giornata della cultura slovena 2017

Marco Apollonio

Piccoli naufragi prima dell’alba

Aljoša Curavić

Portami i fiori

Oltre agli autori interverranno alla serata la

La professoressa di Letteratura Italiana Elis Deghenghi Olujić, la slavista Jasna Čebron, la giornalista Martina Vocci e il poeta e traduttore Gašper Malej.

Aljoša CuravićAljoša CuravićAljoša Curavić intreccia magistralmente in forma breve il passato e il presente, i richiami letterari, le tre lingue parlate correntemente ed altre ancora con le quali ha familiarizzato nel corso di frequenti viaggi, la politica e, soprattutto, la sua curiosità e un acuto spirito d’osservazione. (...) Con eleganza romanza e talvolta con nostalgia slava racconta sempre la stessa cosa, anche attraverso storie aneddotiche di “piccola gente”: che la diversità, la libertà, la possibilità di scelta, la parlata di innumerevoli lingue sono l’unica vera ricchezza.

                                                                                                                                                    Danica Petrovič

Marco ApollonioMarco ApollonioMarco Apollonio incarna quel passaggio generazionale che garantisce continuità e nuove prospettive di sviluppo alla letteratura della Comunità nazionale italiana. (...) Pagina dopo pagina si delinea un’ammissione personale di esclusione, inadeguatezza alla vita, smarrimento; la confessione di un disadattamento contemporaneo che ha provato il naufragio dei più arcani desideri e al tempo stesso l’acuta narrazione dell’odierna alienazione (o deprivazione) del sentire ed agire umano.

                                                                                                                                                 Elis Deghenghi Olujić