languageswitcher

Contatti top

Mercoledì, 18 Ottobre 2017 14:42
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Terzo Numero
INforma
Terzo Numero

Anno
Dicembre 2016
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Serata rosa: La marcia di una donna non finisce mai
Serata rosa La marcia di una donna non finisce mai Giovedì 2 marzo 2017 alle ore 17.00 Sede della Comunità degli Italiani Palazzo Gravisi-Buttorai Via Fronte di liberazione 10, Capodistria

 

Serata rosaSerata rosaInterventi:

Isabella Flego

Presidente dell’Associazione Pari Opportunità

POEM di Capodistria

Intervento introduttivo

Maria Ferrara

Presidente dei Centro antiviolenza GOAP di Trieste

Operatrici d'accoglienza

Dalla violenza all'autonomia: percorsi di empowerment delle donne

Jana Peršič

Consulente del Centro d'emergenza

per le vittime di violenza

Centro per l'assistenza sociale di Pirano

Donne vittime di violenza

alle porte di nuove opportunità

Nerina Bonassin Battelli

Psicologa, psicoterapeuta e supervisore

La donna e la dipendenza relazionale

 

Ancor oggi, in un epoca emancipata e in una società di diritti egualitari tra i sessi, ci si avvicina al mondo delle donne in maniera ipocrita ed edulcorata, spesso privilegiando aspetti frivoli ed esteriori.

Si è invece riluttanti ad affrontare aspetti rattristanti della quotidianità femminile caratterizzati da condizioni di dipendenza e sottomissione, se non addirittura da violenze fisiche e psicologiche, come dimostrano statistiche ancora pesanti. L'unico percorso possibile per uscire dall'inferno della violenza e della rassegnazione conduce lungo la difficile strada di recupero della propria stima in fondo alla prigionia della vergogna, per sottrarsi al ciclo di vita senza luci della ribellione. Di passo in passo, per arrivare a gridare: "Basta alla violenza, al femminicidio, a bambini seviziati...!"