languageswitcher

Contatti top

Lunedì, 29 Maggio 2017 22:18
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Terzo Numero
INforma
Terzo Numero

Anno
Dicembre 2016
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

“Amore meno zero" di Stefano Rizzo
Abbiamo il piacere di invitare tutti gli interessati alla presentazione dei libro “Amore meno zero" di Stefano Rizzo pubblicato da Mincione Edizioni che avrà luogo giovedì, 4 maggio 2017, alle ore 17.00, presso la Sala di lettura Fulvio Tomizza, Calegaria 22, Capodistria.

"Amore meno zero" di Stefano Rizzo"Amore meno zero" di Stefano Rizzo

Dialogherà con l’autore Stefano Lusa

Stefano Rizzo ha vissuto a lungo a New York dove si è laureato in filosofia. Studioso di relazioni internazionali, autore di numerosi saggi sull’America contemporanea, sua è la prima trascrizione e traduzione in italiano delle canzoni di Bob Dylan.

Amore meno zero

New York 1972, Richard Nixon ha vinto le elezioni, ma lo scandalo Watergate sta per scoppiare e alcuni suoi collaboratori sono già in carcere. Un professore di logica, protagonista senza nome, risponde a un'offerta di lavoro della "Fondazione" che si rivelerà terreno di ricatti per estorcere informazioni sul mondo universitario, artistico e intellettuale.