languageswitcher

Contatti top

Lunedì, 23 Aprile 2018 00:11
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quarto Numero
INforma
Quarto Numero

Anno
Dicembre 2017
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

La Semedella 2018
La Comunità degli Italiani "Santorio Santorio" di Capodistria invita tutti gli interessati ai tradizionali festeggiamenti in ricorrenza della Beata Vergine delle Grazie di Semedella (Santa Messa e ritrovo dei fedeli) La Santa Messa sarà celebrata Domenica, 15 aprile 2018, alle ore 17.00

 

La Semedella 2018La Semedella 2018Presso la Chiesa di Semedella (Rosario dalle ore 16.30)

La cappella campestre votiva della Beata Vergine delle Grazie di Semedella, un tempo adagiata quasi in riva al mare ai piedi del monte San Marco e circondata da un prato alberato, era situata lungo la costa meridionale del Vallone di Capodistria, oltre lo specchio d’acqua occupato da tempo immemorabile dalle saline.

Semedella era anche frequente mèta di scampagnate e di bagni marini: vi si giungeva dalla zona di Porporèla attraverso la strada che dal 1824 congiungeva la città alla terraferma e correva stretta sul mare, detta popolarmente “el ponte de Semedela”. Oggi, ormai interrate le saline (dal 1929 al 1933 le opere di bonifica), la chiesetta appare soffocata e “sacrificata tra brutte costruzioni, erette sulle tombe di mille e mille morti, colpiti nei secoli dalle terribili pestilenze”, senza zona di rispetto, da una Capodistria industriosa e giovane.

L’immagine è una riproduzione di una stampa votiva d'epoca (XIX sec.) per la liberazione dalla pestilenza