languageswitcher

Contatti top

Lunedì, 18 Marzo 2019 14:27
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Dramma Italiano di Fiume: Buca di sabbia
Michal Walczak BUCA DI SABBIA Martedì, 12 febbraio 2019 alle ore 20.00 Casa di Cultura di Isola

Buca di sabbiaBuca di sabbia

Regia

Jernej Kobal

Scenografie e costumi

Liberta Mišan

Interpreti

Alida Delcaro

Anton Plešić

Una messa in scena minimalista, cruda e diretta sulla non comunicazione, dove in un’immaginaria sabbiera si va consumando il gioco più complesso di tutti, un gioco d’intese e contese, un gioco in cui le regole e i confini sono fatti per essere infranti. Un “bimbo” e una “bimba” si dividono lo spazio complesso di una guerra il cui fine è unirsi o dividersi per sempre.

Un testo profondo e ironico che rispecchia le proiezioni di un mondo adulto, delle difficoltà e delle incomprensioni che sorgono nelle coppie tra esseri umani. L’infanzia e la senilità si incontrano in questo spettacolo, capace di far sciogliere il cuore dello spettatore e di fargli comprendere quanto siamo buffi e impacciati nei rapporti tra uomo e donna.

“Niente è come sembra. Nulla è lì per caso, tutto ha un preciso significato”. A sostenerlo, come propria filosofia teatrale, è il giovane regista Jernej Kobal, che ha curato la messa in scena di “Buca di sabbia” del drammaturgo contemporaneo polacco Michal Walczak.

“Sono propenso a realizzare sempre una scena pulita, dove non c’è eccesso di cose che non servono. Insomma, una messa in scena che punta all’essenziale, dando risalto alla delicatezza dei sentimenti più che all’ identità dei personaggi. Per me, è l’attore, il punto focale del teatro: tutto il resto, compresa la mia funzione di regista, passa in secondo piano. Spesso affermo che dopo la première, lo spettacolo non è più mio, ma è unicamente degli attori”.

Buca di sabbiaBuca di sabbiaRealizzato con il contributo finanziario del Ministero per gli Affari Esteri della Repubblica Italiana per il tramite dell’Unione Italiana e dell’Università Popolare di Trieste e con il cofinanziamento della Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana

Nell’occasione sarà organizzato un servizio pullman con il seguente orario di partenza:

19.00 Crevatini (presso la Casa di Cultura di Crevatini)

19.15 Bertocchi (stazione autobus / Casa di Cultura)

19.30 Capodistria (stazione autobus presso il mercato cittadino - ex Soča)

Il rientro è previsto a fine spettacolo.