languageswitcher

Contatti top

Venerdì, 26 Aprile 2019 22:44
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Il Viaggio della Memoria per la prima volta a Capodistria
Martedì 9 aprile 2019 il sindaco di Roma Virginia Raggi, che accompagna un folto gruppo di studenti romani nel tradizionale Viaggio della Memoria, ha fatto sosta per la prima volta a Capodistria.   

Viaggio della MemoriaViaggio della MemoriaIn mattinata la Raggi ha avuto un incontro con il sindaco di Capodistria, Aleš Bržan, mentre nel primo pomeriggio l'intera delegazione romana è stata salutata, nella prestigiosa Sala cerimonie ed eventi San Francesco d'Assisi, da alti esponenti della Comunità Italiana che vive in Slovenia, il vice-sindaco di Capodistria, Mario Steffè, il Presidente della CAN di Capodistria, Fulvio Richter, la vice-presidente della CAN Costiera, Nadia Zigante.

Nel rivolgere un saluto agli ospiti italiani sia il vice-sindaco Steffè che il Presidente Richter hanno voluto mettere in risalto l'importanza di eventi come quello odierno per il superamento delle divisioni che troppo spesso in passato hanno condizionato i rapporti reciproci, dopo che nel dopoguerra le vicende dell’esodo hanno stravolto la composizione demografica dell’Istria, di Fiume e di parte della Dalmazia. Queste vicende – ha detto in particolare Viaggio della MemoriaViaggio della MemoriaRichter – hanno fatto della componente italiana una minoranza che comunque è tuttora presente e fortemente impegnata per il mantenimento della lingua e della cultura italiane in queste terre grazie anche alle svariate istituzioni quali scuole, mezzi d’informazione e Comunità degli Italiani.

Sentite parole di ringraziamento sono state rivolte dalla vice-presidente dell’ANVGD, Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, Donatella Schürzel, che da molti anni ormai organizza i viaggi della memoria e che per la prima volta ha visto inserita anche la tappa di Capodistria.

Il Console generale d’Italia a Capodistria, Giuseppe D’Agosto ha a sua volta voluto mettere in risalto l’importanza ed il ruolo della sede consolare che dirige proprio per mantenere vivo il contatto con la componente italiana di queste terre a seguito della drammatica lacerazione seguita alla seconda guerra mondiale.

Un momento particolarmente toccante è stato quando il vice-sindaco Mario Steffè ha tenuto una vera e propria lezione di storia, dando fondo soprattutto ai ricordi personali ed alle vicende che hanno toccato da vicino la sua famiglia, divisa dall’esodo. La spiegazione ha incontrato i favori degli Viaggio della MemoriaViaggio della Memoriastudenti romani che hanno posto tutta una serie di domande per comprendere meglio una storia che è sicuramente difficile da interpretare dai testi scolastici.

Il sindaco Raggi a conclusione dell’incontro ha voluto rimarcare che sono soprattutto le piccole storie di vita vissuta che aiutano maggiormente i giovani a comprendere i grandi sommovimenti che hanno investito queste terre. “Ed è proprio questo – ha detto – che ci prefiggiamo di fare con questi viaggi. Ieri quando siamo partiti pensavamo che tutto dovesse svolgersi per categorie ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ciò che è bianco e ciò che è nero. Man mano come questo viaggio si dipana noi vediamo che queste categorie iniziano a diventare più labili e addirittura un po’ inutili. È difficile tracciare un confine per definire chi era dalla parte della ragione e chi dalla parte del torto. Stiamo quindi assistendo ad un totale ribaltamento dei valori ed anche Viaggio della MemoriaViaggio della Memoriaquesto ci aiuta a maneggiare categorie e definizioni con una delicatezza in più”.