languageswitcher

Contatti top

Martedì, 19 Novembre 2019 03:46
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Coro polifonico “Ghentiana” Ruinas, Sardegna
Abbiamo il piacere di invitare tutti gli interessati al concerto di canti popolari della tradizione musicale sarda con la partecipazione del Coro polifonico “Ghentiana” Ruinas, Sardegna Domenica, 20 ottobre alle ore 19.00

Coro polifonico "Ghentiana"Coro polifonico "Ghentiana"

Palazzo Gravisi-Buttorai, sede della Comunità degli Italiani,

Via Fronte di Liberazione 10, Capodistria

 

Dopo concerto con programma musicale libero,

intervento del gruppo di canto popolare spontaneo della C.I. di Capodistria,

gemellaggio etno-gastronomico con degustazione di prodotti regionali tipici.

 

Il coro polifonico “Ghentiana” proviene da Ruinas, un piccolo paese della Sardegna, in provincia di Oristano. Ghentiana è il nome dell’antica città, scomparsa, le cui origini si perdono nella leggenda per cui la scelta del nome intende sottolineare il radicamento del coro alla propria cultura e comunità.
L’attività del coro si è concentrata sui canti tradizionali della Sardegna, sotto la guida del Maestro Andrea Puddu, riallacciandosi tuttavia al nuovo corso della polifonia sarda iniziato negli anni Cinquanta del Novecento, un percorso che abbraccia il senso d’appartenenza ai canti tradizionali e l’invenzione di canti nuovi, prosecuzione e rigenerazione di quelli tradizionali.

Questo evento costituisce un’opportunità di confronto tra due culture, quella sarda e quella istriana, geograficamente distanti tra di loro ma con diversi tratti in comune. L’intento è quello di creare un dialogo e una sinergia esperienziale tra le due diverse espressioni regionali attraverso il linguaggio senza confini della musica, libero e spontaneo, entro una cornice di festa e incontro genuino tra culture e tradizioni, così come succedeva un tempo nelle occasioni in cui si accoglievano nelle proprie comunità dei “foresti”, se ne apprendevano gli usi e i costumi, cercando di omaggiarli con i propri.