languageswitcher

Contatti top

Giovedì, 5 Dicembre 2019 17:58
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quinto Numero
INforma
Quinto Numero

Anno
Ottobre 2018
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Così parlò Monna Lisa
Antonio Piccolo COSÌ PARLÒ MONNA LISA Martedì, 19, novembre 2019 alle 19.00 Ridotto del Teatro di Capodistria Via Verdi 3 Capodistria

Così parlò Monna LisaCosì parlò Monna LisaRegia
Antonio Piccolo

Interpreti
Stefania Ventura, Melissa Di Genova, Antonio Piccolo

Voci
Valentina Acca, Antonia Cerullo, Sara Missaglia

Scene
Eleonora Scarponi

Costumi
Antonella Balsamo

Luci
Marco Macrini

Musiche
Mario Autore

Aiuto regia
Marco Di Prima

Aiuto costumi
Roberta Blarasin

Produzione
Golden Show s.r.l. Impresa Sociale Trieste

In collaborazione con
Teatro In Fabula

 

Lo spettacolo in cui figura al centro della trama il capolavoro di Leonardo Da Vinci è un omaggio al genio rinascimentale nel 500° della morte, scritto e diretto da Antonio Piccolo, uno dei più interessanti giovani drammaturghi italiani. La trama è ispirata al clamoroso furto della Gioconda, messo in atto in maniera rocambolesca nel 1911 dall'italiano Vincenzo Peruggia. Nella finzione teatrale la figlia Celestina si appresta a ricalcare le orme del padre, sullo sfondo di una Parigi invasa dalle truppe naziste. Ma a sorpresa, l'enigmatico quadro si anima e instaura un surreale gioco di fantasia avvolto negli irrisolti misteri e dominato dall'eterno fascino emanato dal celebre dipinto. Un pretesto per conoscere l'apice e il fondo dell'essere umano: il genio di Leonardo contrapposto alle bassezze dell'uomo contemporaneo; il lume del Rinascimento contro le tenebre dei nazionalismi e del razzismo.