languageswitcher

Contatti top

Sabato, 28 Novembre 2020 15:07
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Sesto Numero
INforma
Sesto Numero

Anno
Dicembre 2019
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

JEFF 2020 – CICLO AUTUNNALE
JEFF 2020 –  CICLO AUTUNNALE Il Festival di musica Jazz, Etno e Funky, che nell'edizione 2020 vede affiancati nell'impegno organizzativo il Club degli studenti del Comune di Capodistria e la Comunità degli Italiani “Santorio Santorio” di Capodistria, ha concluso con successo il primo ciclo di concerti, svoltisi nel mese di agosto presso l'estivo di palazzo Gravisi.

Banda StortaBanda Storta

Nonostante la restrizione numerica all'accesso del pubblico per adempiere alle disposizioni per prevenire il contagio da Covid-19, la rassegna è stata seguita con interesse dal pubblico capodistriano, interessato a un programma improntato a una dimensione più intima e raccolta, ma non per questo meno fresca e stimolante nelle sue proposte musicali.

Dopo una breve pausa per lasciare spazio al festival cinematografico Kino Otok – Isola Cinema, il festival JEFF riapre i battenti presso palazzo Gravisi, sede della Comunità degli Italiani, con un secondo breve ciclo settembrino dedicato a due serate musicali tematiche.

Riproposta anche in questa occasione la formula di due ospiti musicali a serata, con inizio del concerto previsto alle ore 20.30.

Nel corso del primo concerto (3 settembre), dedicato al folk irlandese e celtico con venature rock, si esibiranno le band italiane dei Wooden legs e Corte di Lunas, due espressioni di alto profilo della scena musicale della vicina Regione Friuli Venezia Giulia. Una scelta, quella degli organizzatori, motivata anche dal crescente interesse del pubblico giovanile nei confronti delle nuove espressioni della musica celtica. La serata si svolge in collaborazione con il Triskell Celtic Festival.

Nel corso della seconda serata, (10 settembre), dedicata alla musica scritta per il cinema, verrà reso omaggio ai compositori italiani Nino Rota (1911-1979) ed Ennio Morricone (1928-2020), i quali hanno lasciato un segno inconfondibile nella storia del cinema. Prima ad esibirsi sul palco sarà la BandaStorta, ensemble di fiati altoatesina, che nel suo concerto-omaggio “Sognando Fellini” proporrà i suoi arrangiamenti di celebri brani tratti dai film felliniani in ricorrenza del centesimo anniversario della nascita del grande regista riminese. Chiuderà la serata un gruppo ridotto della 1000 Streets' Orchestra di Trieste, con il suo personale omaggio al Maestro Ennio Morricone.    

Nel corso del concerto con le più belle musiche e le più famose colonne sonore scritte dai premi Oscar Nino Rota ed Ennio Morricone, verranno proiettate le immagini dei film più celebri da loro musicati.

In caso di maltempo i concerti avranno luogo presso la Sala eventi e cerimonie di S. Francesco a Capodistria.

Organizzato dal Club degli studenti del comune di Capodistria e dalla Comunità degli Italiani di Capodistria nell’ambito del programma culturale della Comunità Autogestita Costiera della Nazionalità Italiana, per il tramite della Comunità autogestita della nazionalità italiana di Capodistria, e con il sostegno finanziario del Comune Città di Capodistria e del Ministero per la cultura della Repubblica di Slovenia. 

 

 CORTE DI LUNAS

Corte di lunasCorte di lunasLa Corte di Lunas è una band Renaissance Celtic Folk Rock italiana che si avvicina al decennale dal suo esordio. Il primo album risale al 2010, “Plaudite sì più forte”, strumentale, in cui propone alcuni brani di musica medievale e tradizionale rivisitati e arrangiati in chiave rock. Alla line-up originaria si aggiungono negli anni una voce femminile e una ghirondista, mentre il sound diventa più energico con sfumature rock metal.

Da questa commistione tra generi musicali, che strizza l'occhio a un pubblico eterogeneo senza mai dimenticare le radici, traggono origine le produzioni più recenti: l’EP “The Journey” (2019) e il quarto album della band “Tales from the Brave Lands” (2020).

Fedele alle origini e alle tradizioni della propria terra friulana, la band è attualmente orientata verso un'espressione musicale che risulta all’ascolto un connubio tra celtic folk music, medieval rock e sonorità rinascimentali.

 

Giordana (Jo): voce, percussioni

Martina: ghironda

Riccardo (Rik): batteria, percussioni

David: bouzouki

Nicolas: chitarra elettrica e acustica

Maria Teresa (Mary): flauti

Massimo (Max): basso

 

WOODEN LEGS

Wooden LegsWooden LegsI Wooden Legs sono una band di musica irlandese di Trieste. Il gruppo, con ormai più di 10 anni di esperienza sui pachi di molti paesi europei, propone un repertorio che spazia da ballate tradizionali, particolari fusioni di jigs e reels, a brani di propria composizione che portano innovative e inaspettate sonorità al genere pur mantenendone la tipica atmosfera.

Per tenere fede e consolidare la definizione di Extreme Irish Music che oramai la contraddistingue fin dai suoi esordi, la band, che dal 2017 si propone con una nuova formazione, ha deciso di dare largo spazio ad una sezione ritmica energica e presente per ottenere un sound più incisivo rispetto a quello del passato, pur senza mai lasciare in secondo piano gli strumenti solistici e la ricerca sul genere irlandese più tradizionale.

Di recente è uscito il loro terzo lavoro in studio dal titolo “Animali” che rappresenta la sintesi del percorso musicale di questi ultimi anni.

Giovanni Settimo: voce, chitarra
Alice Porro: flauti, flauto a fischietto (tin whistle)
Sebastiano Frattini: violino
Michele Blasina:  basso
Anselmo Luisi: voce, tambutro irlandese (bodhran), batteria, percussioni