languageswitcher

Contatti top

Sabato, 27 Novembre 2021 07:20
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Settimo Numero
InForma
Settimo Numero

Anno 7
Dicembre 2020
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Simon Stephens Sea Wall
Martedì, 3 agosto 2021, alle 21.00 Lapidario del Museo regionale di Capodistria Simon Stephens Sea Wall Teatro Capodistria

Simon Stephens Sea WallSimon Stephens Sea Wall

Traduzione in lingua italiana Francesco Borchi

Regia
Boris Cavazza

Interprete
Francesco Borchi

Allestimento tecnico
Gledališče Koper - Teatro Capodistria

Sea Wall è il dramma dei membri di una famiglia la cui felicità viene spezzata nel corso di una giornata al mare, che cambierà le loro vite per sempre. Un mare che fa da sfondo a una tragedia che Alex, il protagonista, non riesce a spiegare ed accettare, fino a negarla in una sorta di disperato meccanismo di difesa, comportandosi come se non fosse mai accaduta, se non altro perché non ci si riesce a credere. Ma quando svanisce questo estremo schermo, l'unica amara forma di conforto sta nell'interrogarsi, nell'apparente assenza di una logica e nell'ossessiva ricerca di un barlume di speranza, sul perché delle cose e sul senso della vita.

Una prova matura da parte del giovane interprete Francesco Borchi, che in un monologo serrato di grande intensità rappresenta con maestria un mosaico di lacerante umanità composto da brandelli di ricordi, frammenti di vite precedentemente vissute, verità inconfessabili...

Ingresso libero

Possono accedere al concerto le persone che soddisfano
al requisito GVT (G-guariti, V-vaccinati, T-testati).
Durante la manifestazione verranno predisposte le
misure previste in materia di prevenzione dal contagio
da COVID-19.