languageswitcher

Contatti top

Mercoledì, 22 Novembre 2017 06:25
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Terzo Numero
INforma
Terzo Numero

Anno
Dicembre 2016
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

PONTEROSSO MEMORIE/SPOMINI
Mercoledì 28.6.2017 alle 19.00 Palazzo Gravisi-Buttorai, Via OF 10, Capodistria Inaugurazione della mostra PONTEROSSO MEMORIE/SPOMINI

Ponterosso Memorie/SpominiPonterosso Memorie/Spomini

Interverranno

Claudio Ernè, Wendy D’Ercole, Massimiliano Schiozzi

Fotografie di: Claudio Ernè, Sergio Ferrari, Romano Grozić, Mario Magajna.

Materiali espositivi della collezione di Wendy D’Ercole

Ideazione della mostra: Cizerouno Associazione Culturale

Allestimento: Massimiliano Schiozzi, Mario Steffè

Negli anni '70 il centro di Trieste, ma soprattutto il mercato di bancarelle della Piazza Ponterosso, diventa meta per i compratori jugoslavi che specie al sabato riempiono le vie con auto, borse e scatoloni pieni di articoli di ogni genere. La mostra vuole ricordare lo shopping jugoslavo a Trieste all'apice della sua epoca d'oro, con foto e materiali d'epoca provenienti da archivi e collezioni private.

Dalla fine degli anni ’50 Piazza Ponterosso, nel centro di Trieste, divenne per tutti gli abitanti dell'allora Jugoslavia la meta prediletta per acquisti di ogni genere. Durante gli anni '70 e '80 l'oggetto che simboleggiò questo mito fu il blue jeans.

Ponterosso Memorie/SpominiPonterosso Memorie/SpominiMilioni di cittadini jugoslavi si riversarono a Trieste diverse volte l'anno, un flusso che terminò con la dissoluzione della Federazione jugoslava. Storie e testimonianze da entrambi i versanti del confine fanno rivivere una mitica Trieste, allora porta dell'Occidente.