languageswitcher

Contatti top

Lunedì, 23 Aprile 2018 00:13
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quarto Numero
INforma
Quarto Numero

Anno
Dicembre 2017
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

"Vien, femo una cantada! - Hode les, si bomo ano zakantale!"
Serate- incontri di canto popolare spontaneo "Vien, femo una cantada! - Hode les, si bomo ano zakantale!" Lunedi 19 febbraio alle ore 19.00

 

Marino KranjacMarino KranjacSerata guidata da Marino Kranjac e Andrea Alessio

Circolo Capodistria, Palazzo Gravisi-Buttorai via Fronte di liberazione 10

Stare in compagnia e recuperare le antiche tradizioni istriane. È questo lo scopo della nuova iniziativa della Comunità degli Italiani "Santorio Santorio" di Capodistria, avviata da alcune settimane presso il bar del sodalizio. Ne è fautore Marino Kranjac, da lunghi anni cultore del canto popolare, fondatore e leader del gruppo Vruja, che si è accollato il non facile compito di far cantare persone diverse tra loro per età, estrazione culturale, origini e soprattutto dimestichezza con la musica. L’idea è nata dalla volontà di offrire alla gente un'opportunità di stare assieme.

Si tratta – dice Marino Kranjac - di una serie di serate conviviali, del tutto informali, completamente bilingui sia nelle presentazioni che nei canti, che riscoprono le canzoni della tradizione istriana, ben note ai più anziani, ma ormai cadute questi completamente nel dimenticatoio. Con il progetto si tenterà anche di concorrere al risveglio del centro storico di Capodistria, sonnecchiante nelle ore serali, specialmente d'inverno.