languageswitcher

Contatti top

Venerdì, 25 Maggio 2018 11:19
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quarto Numero
INforma
Quarto Numero

Anno
Dicembre 2017
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

MISSIONE AVVENTURA: IL FANTASTICO MONDO DEI FUMETTI DI NERBINI
POW… BANG… GULP! MISSIONE AVVENTURA: IL FANTASTICO MONDO DEI FUMETTI DI NERBINI   La Comunità degli Italiani Santorio Santorio di Capodistria, l’Info-Libro e la Comunità degli Italiani di Crevatini organizzano nell’ambito del programma culturale della Comunità autogestita della nazionalità di Capodistria un evento interamente dedicato alla storia del fumetto italiano tra le due guerre, che si svolgerà sabato 21 aprile a partire dalle ore 19.00 presso il palazzo Gravisi, sede della Comunità degli Italiani di Capodistria.

MISSIONE AVVENTURA: IL FANTASTICO MONDO DEI FUMETTI DI NERBINIMISSIONE AVVENTURA: IL FANTASTICO MONDO DEI FUMETTI DI NERBINI

La serata tematica incentrata sull’attività editoriale della Casa Editrice Nerbini, uno dei principali antesignani del fumetto moderno in Italia, prevede una conferenza dello stesso Costantino Nerbini, pronipote del fondatore della celebre casa editrice fiorentina e a seguire l’inaugurazione di una mostra tematica sui fumetti nerbiniani pubblicati dai primi anni ’30 agli anni ’70 del Novecento curata da Dario Fontana, noto collezionista nonché conoscitore delle pubblicazioni a fumetti.

Attraverso uno spaccato di cronaca condita di memorie famigliari e grazie a un percorso espositivo che comprende pubblicazioni originali antiquarie e ristampe anastatiche di valore collezionistico, verrà ripercorsa la storia di uno dei fenomeni editoriali più affascinanti del secolo scorso, che per molti versi ha aperto la strada a nuove forme di comunicazione legate alla cultura di massa. I fumetti dell’epoca fecero sognare con i loro eroi di carta una nuova generazione di italiani desiderosa di affrancarsi dai vecchi schemi dell’editoria rivolta ai giovani, ormai attratti dalle avventure esotiche e dall’immaginario fantastico che si erano già affermati nel mondo del fumetto d’oltreoceano.

Muovendosi con grande intuizione di mercato tra esterofilia e richiami autarchici, la Casa Editrice Nerbini acquisì negli anni ’30, periodo della sua rapida ascesa editoriale, i diritti sulle migliori serie disponibili sul mercato americano, dando vita alle due principali testate del settore: Topolino e L’Avventuroso, introducendo nel fumetto italiano l'innovazione delle nuvolette (balloons), cifra stilistica che sancisce l'avvento del fumetto moderno. La galleria di personaggi disneyani e gli eroi dell’avventura americani diventarono così i beniamini di un numero crescente di giovani lettori, che determinarono il successo di vendite e la straordinaria popolarità dei personaggi proposti dalla Nerbini.

In una più ampia prospettiva del fenomeno editoriale che sancisce l’affermarsi del fumetto moderno in Italia, vengono affrontati attraverso il percorso cronologico della mostra anche i complessi rapporti tra mondo dell’editoria e della sfera politica. Il fascismo al potere, motivato dalla precoce intuizione dell’enorme impatto del linguaggio del fumetto sulle masse aveva infatti influenzato, dapprima attraverso un condizionamento interessato e in seguito con l’imposizione della censura, la linea di sviluppo del fumetto in Italia e le sorti della stessa Casa Editrice Nerbini.