languageswitcher

Contatti top

Domenica, 19 Agosto 2018 20:56
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quarto Numero
INforma
Quarto Numero

Anno
Dicembre 2017
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Sopralluogo al cantiere della nuova scuola italiana di Capodistria
Visita al cantiere della nuova sede dislocata della scuola elementare “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” e dell’Asilo “Delfino blu”, nell'edificio che ospitava la scuola media tecnica slovena e che a lavori ultimati sarà pronto ad accogliere le classi inferiori dell'elementare capodistriana, nonché due sezioni dei bambini prescolari dell'asilo.

Nuova scuola italiana di CapodistriaNuova scuola italiana di CapodistriaLa visita è stata organizzata dal vice-sindaco del Comune Città di Capodistria, Alberto Scheriani e vi hanno preso parte inoltre il direttore dell'Ufficio affari sociali e sviluppo del Comune, Timotej Pirjevec, il Presidente della Comunità Autogestita della Nazionalità Italiana di Capodistria, Fulvio Richter e i presidi della Scuola elementare italiana “Pier Paolo Vergerio il Vecchio”, Guido Križman e dell’Asilo italiano “Delfino blu”, Monica Bertok. L’opera – ha detto il supervisore dei lavori – rispetta perfettamente i tempi previsti dal progetto. Al momento le opere murarie sono quasi terminate, fatta eccezione per la scala che raggiungerà la mansarda, e sono impegnati gli artigiani che mettono in opera l’impiantistica, tubisti ed elettricisti in primo luogo. Il progetto prevede che l’opera sia terminata e consegnata, dopo tutti i collaudi previsti dalla legge, il primo settembre quando avrà inizio il nuovo anno scolastico.

Lo spostamento di alcune classi della scuola elementare nella nuova sede – ha detto fra l’altro il vice-sindaco Scheriani – farà sì che si possa avviare il ben più ambizioso, ma anche annoso, progetto di restauro completo del Collegio dei Nobili che ospita elementare e media italiane di Capodistria. Scheriani ha rilevato inoltre che questo è stato un anno particolarmente favorevole per la scuola della Comunità Nazionale Italiana in quanto è stata approvata la nuova legge sull’istruzione mentre nei mesi estivi verrà messa a nuovo la sede periferica della scuola e dell’asilo di Semedella mentre verrà portato a termine il sanamento energetico della sede dislocata di Bertocchi, il tutto con l’apporto finanziario del Ministero per l’istruzione della Slovenia e del Comune Città di Capodistria.

Palazzo Sabini-GrisoniPalazzo Sabini-GrisoniParticolare interessante la nuova sede scolastica della Comunità Nazionale Italiana troverà spazio in uno dei Palazzi storici di Capodistria, Palazzo Sabini-Grisoni. La nobile famiglia capodistriana, una delle più ricche e potenti dell’intera Istria, ha infatti fondato il primo istituto di assistenza per giovani di Capodistria, istituto che è stato chiuso solamente nel secondo dopoguerra. La famiglia Grisoni ha inoltre lasciato alla nostra città un fondo librario di incredibile bellezza e valore culturale, custodito dalla Biblioteca civica “Srečko Vilhar”.  Palazzo Gravisi Buttorai, sede della maggiori associazioni della CNI ospita in questi giorni la mostra "La famiglia dei nobili Grisoni", dedicata proprio al suddetto fondo librario che spazia dai classici greci e latini a quelli italiani, con una serie di opere storiche, artistiche e letterarie di autori italiani e francesi e una grande varietà di Nuova scuola italiana di CapodistriaNuova scuola italiana di Capodistriaopere di medicina e di scienze naturali.