languageswitcher

Contatti top

Martedì, 25 Settembre 2018 07:23
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Quarto Numero
INforma
Quarto Numero

Anno
Dicembre 2017
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

25.esimo Festival Estivo del Litorale
La Comunità degli Italiani Santorio Santorio di Capodistria ha il piacere di invitare tutti gli interessati agli spettacoli nell'ambito del programma della XXV edizione del Festival Estivo del Litorale (14 giugno – 8 luglio 2018)

 

25.esimo Festival estivo del litorale25.esimo Festival estivo del litoraleIl Festival estivo del Litorale registra quest'anno l'importante anniversario della sua 25.mo stagione di attività. In omaggio a una vocazione teatrale di ambientazione, volta a cogliere gli aspetti del nostro spazio geografico, culturale e identitario, la Comunità degli Italiani di Capodistria propone nell'ambito del cartellone del festival tre spettacoli di specifico richiamo, a partire dallo spettacolare evento inaugurale del festival che avrà luogo martedì 26 giugno nella piazza centrale di Capodistria. Full Wall#Santorio (Capodistria, Piazza Tito, 26.6.), L'Inferno (Grotta di San Servolo, 27.6.) e Carmen (Capodistria, estivo di palazzo Gravisi, 2.7.) sono tre spettacoli, che pur nell'estrema diversità dei rispettivi linguaggi teatrale, cinematografico e musicale, si richiamano a grandi espressioni culturali del passato rilette e reinterpretate secondo i canoni di una moderna sensibilità artistica.

Ad accomunare i tre eventi è l'ambientazione site-specific, al fine di creare degli spettacoli che uniscano diverse espressioni artistiche (danza, musica, teatro, cinematografia) all'architettura del paesaggio urbano e naturale, fondendo le drammaturgie degli spettacoli ai luoghi nei quali vengono rappresentati.

Martedì, 26 giugno alle ore 21.30

Piazza Tito, Capodistria

Spettacolo di danza verticale

Full Wall#Santorio

Compagnia Il Posto Danza Verticale e Marco Castelli Small Ensemble

 ideazione e coreografia: Wanda Moretti

musiche per sax e live electronics: Marco Castelli

testi Claudia Domenici
wall performers: Simona Forlani, Isabel Rossi, Giulia Mazuccato

cinematography: Yan Liang by BeautifulChemistry

video editing: Gigi Coppola

costume designer: Lemuria
scarpe: Furoshiki by Vibram
outfit tecnico: Singing Rock
produzione Il Posto 2016, Forte Marghera25.esimo Festival estivo del litorale25.esimo Festival estivo del litorale

si ringrazia:
Institute of Advanced Technology
University of Science and Technology of China, Tsinghua University

Il Posto è la prima compagnia in Italia ad essersi specializzata nelle performance site specific su piani verticali. Difficilmente inquadrabile in generi e categorie, lo spettacolo scolpisce lo spazio nel quale si realizza e insieme alla proiezione video crea uno scenario di grande impatto visivo, che personalizza il luogo della performance ispirando così nuove idee, riflessioni e  prospettive. La versione di Full wall che la Compagnia il Posto presenterà a Capodistria è ispirata alla  figura del capodistriano Santorio Santorio, che nei suoi studi sull'uomo e la materia  è stato precursore della scienza moderna.

 Mercoledì, 27 giugno alle ore 21.30

Grotta di San Servolo

Proiezione del film

L'inferno (1911)

Regia e sceneggiatura: Francesco Bertolini, Giuseppe de Liguori, Adolfo Padovan

Rimusicazione dal vivo: Marco Castelli (sax & live electronics)

Edizione restaurata dalla Cineteca di Bologna

 Dopo un lungo lavoro di restauro curato dalla Cineteca di Bologna, il primo lungometraggio della storia cinematografica italiana ci restituisce nella sua pienezza l' adattamento della Prima Cantica della Divina Commedia. Attraverso effetti innovativi per l'epoca, lo spettatore si trova avvolto tra la desolazione delle lande e degli orridi infernali, dove si aggirano i dannati vessati dai demoni e appaiono mostruose creature mitologiche.

Il musicista Marco Castelli sonorizza dal vivo questo capolavoro del film muto italiano, rendendo ancora più emozionante la visione delle incredibili immagini della pellicola e conferendogli una sorprendente modernità.

 

Lunedì, 2 luglio alle ore 21.30

Estivo di palazzo Gravisi, Capodistria

Narrazione in opera gitana da uno studio su “Carmen” di Prosper Mérimée

25.esimo Festival estivo del litorale25.esimo Festival estivo del litoraleCarmen

Teatro Blu

regia: Ida Kuniaki

attrice: Silvia Priori

ballerina flamenco: Maria Rosaria Mottola

soprano: Caterina Piva

musiche: Georges Bizet

costumi: Sartoria Bianchi, Milano

luci: Roberto Gerbolès

direttore tecnico: Antonello Ruzzini

 Carmen è uno spettacolo innovativo, emozionante connubio tra recitazione, danza, musica e canto lirico. Appositamente creato per avvicinare il pubblico alla grandiosità e alla bellezza dell’opera lirica, vede in scena tre talenti che insieme alle più belle arie di Bizet, creano situazioni di grande impatto emotivo, estremamente coinvolgenti. Lo spettacolo racconta la storia di un amore gitano che nasce, cresce e muore in cuori ardenti ed impetuosi e che tocca i vertici più alti della drammaticità. In un mondo fatto di zingari, di osti e di contrabbandieri Carmen è un personaggio rivoluzionario, fuori da ogni schema sociale, un'anima libera, vera e aderente fino alla morte a sé stessa, alla sua sensualità traboccante e al suo anelito verso la libertà.