languageswitcher

Contatti top

Martedì, 13 Aprile 2021 10:27
Via Župančič 39, 6000 Koper - Capodistria | tel: +386 (0)5 627 92 90 | fax: +386 (0)5 627 92 91

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

Settimo Numero
InForma
Settimo Numero

Anno 7
Dicembre 2020
 

Numero 41
La Città
Numero 41

Anno 20
Gennaio 2016
 

Altre Notizie

Revocato il decreto sui tamponi ai transfrontalieri
È durato lo spazio di un giorno l’obbligo di tampone per i transfrontalieri. Il governo sloveno ha infatti modificato il decreto approvato mercoledì, che imponeva la quarantena o un tampone settimanale anche ai transfrontalieri: lavoratori, studenti, persone che oltrepassano il confine per l’assistenza a congiunti o per lavori di manutenzione alle loro proprietà ma anche per coloro che entrano in Slovenia per visite mediche.

Piccolo valico di frontieraPiccolo valico di frontiera

Secondo il nuovo decreto il tampone da domani, sabato 6 febbraio 2021, non sarà più necessario per chi entra in Slovenia da paesi che hanno un’incidenza di contagi, nelle ultime due settimane, inferiore a quella slovena. Al momento l’incidenza in Italia, Croazia, Austria ed Ungheria è infatti più bassa a quella slovena.

Soddisfazione è stata espressa logicamente dal deputato al seggio specifico del Parlamento sloveno Felice Žiža, che insieme alla CAN costiera ed ai principali rappresentanti della minoranza comunità nazionale slovena in Italia, è intervenuto immediatamente per far cancellare il decreto.