11.1 C
Capodistria
giovedì, 8 Dicembre, 2022
ItalianoSlovenščina
HomeconcertiFestival Kitarika 2022

Festival Kitarika 2022

ZeroDuo è un duo di chitarra classica nato nel 2017 dall’incontro artistico e professionale tra Roberto Battino e Jaka Klun. Dopo un percorso comune con Eliot Fisk presso la Mozarteum Universität – Master of Arts in Music Performance di Salisburgo, completano gli studi successivi sotto la guida di Lorenzo Micheli a Lugano, presso il Conservatorio della Svizzera Italiana – Master of Arts in Music Pedagogy. Attualmente sono entrambi docenti di chitarra in Germania.

Il sodalizio chitarristico ZeroDuo è rivolto alla rivisitazione di brani originali per chitarra del XX e XXI secolo, composti appositamente per duo, dove sovente l’esecuzione interpretativa si apre a nuove originali soluzioni.

Jaka Klun suona con una chitarra di Kazuo Sato.
Roberto Battio con una chitarra di Hideo Sato.

ZeroDuo

PROGRAMMA

Astor Piazzolla                           Lo Que Vendrà
 (1921-1992)                            Verano Porteno

Joaquin Rodrigo                         Tonadilla
 (1901-1999)                            Allegretto ma non troppo
                                                 Minuetto pomposo
                                                 Allegro vivace

Manuel de Falla                          Canción del Fuego Fatuo
 (1876-1946)                            La Vida Breve

Isaac Albéniz                               dalla Suite Iberia
 (1860-1909)                             Evocación*
                                                  El Puerto*

Egberto Gismonti                      Agua y Vinho**
 (1947)                                      Frevo***

Paulo Bellinati                             Jongo
(1950)

Arrangiamento:
* Duo Gruber – Maklar
** Jaka Klun
***Duo Assad

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricevi le notifiche sulla tua email

Registra la tua email per ricevere le notifiche sui nuovi contenuti del sito della CAN di Capodistria.

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivio